“Insieme Ausonia, ora non ti devi fermare!” Il centrocampista Rossini: “L’ esperienza insegna, adesso dobbiamo proseguire e..”


Otto punti di vantaggio, quando mancano undici giornate alla fine del campionato, sono cifra considerevole per chi si trova al comando della classifica. Specie per una compagine come l’Insieme Ausonia, che ha di fatto "ricostruito” la propria dote dopo un passaggio a vuoto che rischiava di compromettere quanto fatto sino a quel momento. Importante sarà conservarla, senza alti e bassi: è questo che si evince dalle parole di Stefano Rossini, "metronomo” della squadra di mister Amato, che non vuol più sudare freddo come accaduto sino a qualche settimana fa.

Adesso sono nuovamente otto i punti di vantaggio rispetto alla seconda posizione, si torna a veleggiare su alti livelli.

Per adesso sì, ma da parte nostra sarà importante far tesoro degli errori commessi in passato. Nel giro di cinque settimane avevamo quasi compromesso quello che eravamo riusciti a fare nella prima parte della stagione, adesso siamo ritornati da soli al comando e con ampio margine. L’esperienza insegna, adesso sta a noi non perdere altro terreno.


Inutile dire che la vittoria di Gaeta ha segnato una sorta di spartiacque nel vostro percorso.

Assolutamente sì, specie perché in quel momento vivevamo una fase mentale che ci vedeva sfavoriti rispetto al nostro avversario. Ma in quei novanta minuti abbiamo dato una grande dimostrazione di forza e di superiorità che ci ha rilanciato sotto tutti gli aspetti.


Ma adesso bisogna proseguire, già dalla partita in casa dell’Astrea.

Non facile, perché loro hanno dimostrato di essere pericolosi con chiunque, e noi ci troviamo nella condizione di dover proseguire in un certo modo.


Alle vostre spalle la battaglia per i play off appare aperta.

Certamente, non c’è solamente il Gaeta, ma va tenuto in considerazione il Palestrina, sebbene abbia perso il recupero a Pontinia, e direi anche il Sora, che in questo momento ritengo sia una compagine pericolosa e da non sottovalutare. Ci sono anche altre squadre, ma attualmente le mie preferenze vanno a queste tre.


Da ex, un pensiero sul momento dell’Itri.

Un momento non facile, dal quale sarà necessario venir fuori con grande impegno da parte di tutti. E’ appena arrivato il nuovo allenatore, ed anche lui ha bisogno di tempo per dare alla squadra la sua impronta. Ci sarà però da correre, perché là sotto sono tutte in ballo. E per come si è sviluppata la classifica, credo che quest’anno saranno necessari almeno 42 punti per arrivare alla salvezza.

PR






Serapo sport

SPOTGAETANO

Todis Gaeta



Lo spot si chiuderà tra 6 secondi - Vai all'articolo
Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy