Giovanissimi 97/98, la lettera di Daniela


Gaeta_Riceviamo e pubblichiamo nella versione integrale la lettera di Daniela Varani.  "È con piacere che leggo l’articolo su Sportgaetano , che pone l’accento sui successi e sulle qualità della squadra di Mister De Santis, i giovanissimi fascia B. Per chi come me ha avuto a che fare negli scorsi anni con questi ragazzini “terribili” ( nel senso buono del termine!), non è assolutamente una sorpresa ma solo una conferma. Alcuni di noi li hanno visti crescere e progredire e possiamo dire, con cognizione di causa, che le annate 97, 98, ma anche 99 e 2000 sono ricche di belle individualità, così come erano ricche e belle di individualità le annate del 92, 93 e 94. Quello che mi auguro, e che auguro soprattutto alla Polisportiva Gaeta, è  un inversione di tendenza, che permetta ai piccoli talenti della nostra città di crescere in un ambiente sano e stimolante, dove siano sempre garantite le pari opportunità e dove gli allenatori e dirigenti svolgano il loro compito con amore e competenza cercando il meglio in ogni ragazzo o bambino che frequenta il campo di calcio. Lo scopo è quello di non depauperare un piccolo patrimonio, così come è accaduto sino ad ora, come del resto si evince dalle formazioni delle squadre giovanili in cui ormai il numero dei ragazzi di Gaeta è sempre più esiguo, senza nulla togliere ai sacrifici e all’impegno dei tanti ragazzi che vengono dai comuni limitrofi. L’esortazione dell’articolo è giusta, ma aggiungo,rivolgendomi  soprattutto ai dirigenti della Polisportiva Gaeta: partecipate più assiduamente a tutte le attività della scuola calcio, organizzando tornei, premiando i piccoli e i più grandi, mettete in condizione le squadre dei giovanissimi, degli esordienti, dei pulcini dei primi calci di effettuare le trasferte che sarebbero impossibili se non fosse per la buona volontà di alcuni genitori; rendete partecipi i bambini e i ragazzi della vita della società magari favorendo incontro con i giocatori della prima squadra …. Non mi dilungo nell’elenco delle tante cose che si potrebbero fare per dare un’ anima al movimento calcistico e non solo di questa città, sono anni che ormai alcuni (pochi!) idealisti e fedeli al motto di de Coubertin , predicano nel deserto… ma vorrei essere in occasione del Natale più buona (!?) e fiduciosa. Pertanto auguro a tutti gli sportivi, ai bambini, ai ragazzi  e ai loro genitori, intanto un Natale sereno e felice, ma anche un nuovo anno ricco di conquiste e di successi. Daniela Varani"  
Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy