Prima categoria, i “numeri” per il gran finale del girone "I"


Alla vigilia dell’ultima giornata, sono ancora diversi i dubbi che il girone I di prima categoria deve sciogliere. Più o meno di rilievo, ma comunque determinanti per definire l’ufficialità della graduatoria e comprendere i termini definitivi della seconda fase che si andrà a disputare.

IL VERTICE

Accertata la vittoria ed il conseguente salto in Promozione dell’Aurora Vodice Sabaudia, resta da assegnare il secondo posto.

A novanta minuti dalla fine, saldamente nelle mani dell’ Hermada (63 punti contro i 60 di Atletico Bainsizza e Real Latina), ed al quale basterà non perdere nella gara conclusiva sul campo dell’ Agora già salvo per conservare la poltrona d’ onore. Nel caso di arrivo alla pari a quota 63 con il Bainsizza e parità nei confronti diretti, i borghigiani avrebbero la meglio per miglior differenza reti in campionato, mentre una parità con il Real Latina andrebbe a premiare la squadra del capoluogo per miglior situazione nei confronti diretti; nella clamorosa eventualità di tre compagini tutte a 63 punti, sarebbe la squadra di Gennaro Ciaramella a spuntarla per classifica avulsa complessiva migliore (7 punti contro i 5 del Bainsizza ed i 3 dell’Hermada).

LA COPPA LAZIO

Le tre contendenti alla seconda piazza sono peraltro certe della qualificazione per la Coppa Lazio del prossimo anno, riservata alle compagini piazzate dal secondo al quarto posto. In caso di ripescaggio della seconda (o di rinuncia di una delle aventi diritto), il beneficio passerebbe alla quinta classificata, in questo momento l’Atletico Itri; e per conservare questa posizione, agli aurunci sarà sufficiente anche un pareggio nella partita casalinga contro il Bassiano, ed evitare l’eventuale ritorno del Faiti, che nei confronti dell’undici itrano vanta due successi negli scontri diretti.  

LA LOTTA SALVEZZA

La bagarre della bassa graduatoria è definita solo in alcuni aspetti: Sonnino ed Agora salve, Don Bosco Gaeta quartultimo ed in attesa di conoscere l’avversario da affrontare in casa per il decisivo play out del prossimo 27 maggio. 

I lepini ed i latinensi termineranno, nella peggiore delle ipotesi, al quintultimo posto, ed avranno in ogni caso almeno nove punti di vantaggio rispetto alla penultima, che sarà così destinata alla retrocessione diretta insieme all’ultima classificata.

Gli oratoriani giocheranno la gara conclusiva in casa dello stesso Sonnino come una tappa di avvicinamento alla sfida salvezza del "Riciniello”, per la quale la R11 Latina appare la favorita rispetto alle altre pericolanti Atletico Cisterna e Samagor. I pontini dovranno necessariamente far bene in casa del Sabaudia capolista, il che vuol dire cercare almeno il pari e terminare a quota 21.

Nel caso in cui anche le altre due dovessero raggiungere questa cifra –l’unica che è utile alle ultime due della classe per agganciare la quartultima (cisternesi vincitori a Borgo Sabotino e Samagor capace di vincere in casa della Real Latina), la classifica avulsa andrebbe a premiare la Samagor (7 punti contro i 6 della R 11 ed i 4 dell’Atletico); invece, in entrambi i casi di un arrivo a due con 21 punti avrebbe la meglio in entrambi i casi la R 11 (miglior differenza reti nei confronti diretti con la Samagor, miglior differenza reti in campionato, con parità nei confronti diretti, con l’Atletico Cisterna).

Esiste anche un’altra ipotesi, legata al successo di Cisterna e Samagor ed alla sconfitta della R11: in questo caso i latinensi scenderebbero all’ultimo posto, retrocedendo direttamente, mentre Samagor sarebbe davanti ai cisternesi per maggior numero di punti negli scontri diretti.

Per sportgaetano,Paolo Russo.

SPOTGAETANO

pescheria cucina e gusto



Lo spot si chiuderà tra 6 secondi - Vai all'articolo
Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy