Promozione: nel girone D è "tutti contro tutti" ...


La classifica del girone "D” è sempre più compatta e propone un inedito "tutti contro tutti”. Vietato parlare di fuga o immaginare una squadra in grado di scattare in avanti, alle spalle del gruppo di testa nessuno può dirsi tranquillo, con la zona di medio alta – bassa  classifica dilatata al punto di fondersi con la zona playout. Dopo dieci giornate di campionato, di conseguenza, l′istantanea della classifica attuale propone quella che nella terminologia ciclistica si definirebbe situazione da "gruppo compatto”. Difficile più che mai, quindi, azzardare previsioni di ogni genere.

Un equilibrio fluido favorito dalla discontinuità di prestazione e rendimento che contagia in misura diversa tutte le squadre del raggruppamento.

Ricordiamo che dopo la giornata pro Ferentino all′ottava, archiviata la domenica pro Mistral alla nona, la decima di campionato è risultata senza alcun dubbio pro Anitrella. Al termine di una partita ricca di emozioni con l′Atletico Cervaro, coi padroni di casa che dopo la rete di Giurini sfiorano in più occasioni il pari, oltre alla vittoria importante i neroverdi hanno festeggiato le 100 reti realizzate da "Sua Maestà” Davide Carmassi (nella foto). In un sol colpo la matricola del girone "D” Anitrella torna nella versione "terribile”, incassa il massimo sull′ostico campo dell′Atletico Cervaro e consolida la terza piazza a -1 dalla Mistral Città di Gaeta e -2 dal Ferentino.

Giù dal podio, a – 4 dalla vetta e -2 dall′Anitrella il Formia Calcio.

Alle spalle una situazione indecifrabile e talmente fluida che, in soli tre punti, troviamo raccolte ben nove squadre tutte potenzialmente nella condizione di passare nell′arco di 90′ dalla zona alta della graduatoria alla zona playout.

Quella che si è appena conclusa, Anitrella a parte, potrebbe essere definita la giornata del riscatto per le formazioni che finora hanno stentato ad imporsi al vertice.

A partire dal Monte San Biagio di mister La Rocca, il Città di Paliano e sopratutto il Città di Monte San Giovanni Campano di mister Ezio Castellucci. Un successo fortemente voluto dai padroni di casa che, nella comprensibile esultanza finale, hanno voluto dedicare la vittoria al direttore sportivo Terra indossando una maglia d′incoraggiamento con la scritta "Forza Ernesto”. Un gesto significativo e di attenzione per incoraggiare e sostenere il direttore monticiano augurandogli una rapida guarigione e un veloce rientro nella scena calcistica. E′ questa la svolta in grado di cambiare l′inerzia in campionato e classifica per il team monticiano? Potrebbe ma la prudenza è d’obbligo.

 

Promessa mantenuta in casa Monte San Biagio: riscatto doveva essere e riscatto è stato. Al di la della positiva reazione del gruppo alla sconfitta casalinga di domenica scorsa, da segnalare la grande prestazione di un sontuoso Frascogna che, dopo le reti del vantaggio realizzate dai biancoverdi, ha blindato praticamente da par suo la porta e il risultato finale. Un risultato che getta le premesse per l′ennesima inversione di tendenza in classifica per inserirsi a pieno titolo nella corsa verso il primato.

Particolarmente proficua la giornata anche per la Città di Paliano che, grazie ad una condotta di gara lineare, si aggiudica nettamente il match con Roccasecca. E la classifica, dopo tre risultati utili e due vittorie negli ultimi 270′, torna a sorridere e prospettare nuovi scenari da conquistare giocandosela sempre e comunque contro ogni avversario. In pratica il marchio di fabbrica dei biancorossi.

 

Prosegue a ritmo sostenuto e senza sbavature nel segno di Frioni, il tecnico dell′Alatri, la scalata in classifica degli ernici. Superate le difficoltà delle prime giornate, con Sbaraglia dal dischetto l′Alatri centra la seconda vittoria di fila e conferma i progressi sul piano del gioco e della tenuta generale. Una dinamica virtuosa in grado di portare il club verderosa fuori dal tunnel della zona playout.

Più o meno lo stesso discorso per il Suio Terme Castelforte di mister Gennaro Pernice che, dopo lo scherzetto riuscito in Coppa Italia con la Mistral, tra le mura amiche cala un poker significativo contro l′Hermada. Un risultato eclatante che, semmai ce ne fosse bisogno, conferma la solidità di una formazione, quella cara a patron Gianfranco Circio, difficile da affrontare e superare per chiunque. Quella col Ferentino, insomma, è stata una parentesi chiusa e archiviata con una reazione da squadra di carattere. Avevate dubbi?

Completiamo la nostra pagina dedicata alla Promozione con la dovuta attenzione alla sagra delle occasioni mancate. La sconfitta del Ferentino sul campo dei Monticiani, la seconda consecutiva per la squadra di mister Pippnburg , è mitigata negli effetti collaterali dalla mancanza di opportunismo sportivo delle antagoniste. In primis la Mistral Città di Gaeta, tanto bella in trasferta ma finora incomprensibilmente poco incisiva in quello che in teoria dovrebbe essere il fortino del "Riciniello”. L′imbattibilità è senza dubbio un valore ma andrebbe impreziosito con ben altra continuità prestazionale e linfa vitale in classifica.

Se Gaeta non sorride a Formia non c′è motivo di cantare ed esultare. Nonostante la rete di Zaccaro l′11 biancazzurro colleziona il terzo pari di fila in casa del Pontinia di mister Cengia e prosegue il suo percorso in campionato finora privo di cambi di ritmo e spunti significativi in termini di classifica. Un ritmo per ora tollerabile ma, sia chiaro, che poco si addice in chiave Eccellenza. Sorriso agrodolce anche per i padroni di casa che, alla vigilia, puntavano a ben altro risultato per accelerare ulteriormente il passo in classifica.

 

Dopo dieci giornate di campionato, insomma, il quadro generale è chiaramente indecifrabile.

APM



  Calcio mercato invernale: a 24 ore dall′apertura, già ci sono movimenti in uscita, in entrata e trattative molto interessanti!

Primo Piano

SPOTGAETANO

pescheria cucina e gusto



Lo spot si chiuderà tra 6 secondi - Vai all'articolo
Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy