CR Lazio e ripresa dei campionati, parla Zarelli: "senza condizioni di sicurezza, non si può tornare a giocare! La salute prima di tutto"


L′emergenza coronavirus ha travolto anche il calcio dilettantistico regionale e provinciale. Sono già tre le giornate saltate a causa dell′emergenza sanitaria. E non si vede la luce in fondo al tunnel. Quattro squadre di Promozione, 9 di Prima, 15 di Seconda, 11 di Terza e le tante di settore giovanile sono in attesa di tornare in campo. Ma di certo non sarà a breve. Nella migliore delle ipotesi a maggio. Ma c′è anche il rischio che la stagione non possa riprendere.

Il presidente del Comitato regionale Lazio, Melchiorre Zarelli, fa il punto della situazione ai colleghi del Messaggero.

Presidente Zarelli, il calcio dilettantistico è bloccato da quasi un mese dall′emergenza...
«Come tutte le attività sportive italiane. Il momento lo impone: dobbiamo restare tutti a casa. Anche noi del Comitato Regionale, che è completamente chiuso».

La preoccupazione per la salute si accompagna a quella sul futuro di questa stagione, interrotta bruscamente
«Comprendo benissimo i timori. Ma in questo momento dobbiamo tutti pensare a dare il nostro contributo per uscire dall′emergenza Coronavirus. La salute prima di tutto».

E dopo, cosa accadrà?
«Non possiamo ancora dire nulla. Una cosa è certa: senza condizioni di sicurezza non si può tornare a giocare a calcio».

Ma si riuscirà a concludere la stagione?
«Noi lo auspichiamo. Anzi, il Comitato Regionale Lazio, rispettando le decisioni che arriveranno dalla Federcalcio e dalla Lega Dilettanti, si impegnerà a portarla a termine in ogni modo».

Sui social, in tanti si chiedono in che modo?
«Al momento non può dirlo nessuno. Bisogna prima capire quando si potrà tornare a giocare, poi si potrà capire come si potrà arrivare a chiudere i campionati».

Le porte chiuse sono praticabili?
«Difficilmente. Chi controllerebbe sulle decine e decine di campi in tutto il Lazio?».

Tanti ragazzi ora stanno fermi, ma prima di giocare una gara dovranno allenarsi per qualche giorno...
«Terremo conto di tutto, ovviamente. Anche se mi dicono che in parecchi si allenano, sia pure parzialmente, negli spazi consentiti dalle proprie abitazioni».

E le società? Quando si riprenderà per molte sarà dura andare avanti...
«La Lega Nazionale Dilettanti è consapevole che la ripresa sarà complicata e ci sarà bisogno di aiuti alle nostre società, che svolgono un′importante attività sociale. Il presidente Sibilia se ne farà presto portavoce con il Governo».

  Calcio e Corona Virus, risponde Melchiorre Zarelli: stagione da continuare o sospensione? Bonus per la prossima stagione? Deroghe per i classe 98, impossibilità di prolungamento dei tesseramenti e tanto altro...

Primo Piano

Ecco alcune delle domande di interesse generale che sono state sottoposte al Presidente del Comitato Regionale e al quale Melchiorre Zarelli ha dato risposte dirette (via telefono). Le proponiamo per portarle all’attenzione di chi, tra i dirigenti delle società di calcio del Lazio, potrebbe

  Lnd, parla il presidente Sibilia: "il calcio deve restare unito. Un euro investito nello sport viene restituito 300 volte sul piano della sanità”.

Primo Piano

Per avere un futuro dopo il Coronavirus, il calcio deve "restare unito”, perseguire "l’interesse collettivo”. E’ l’appello del presidente della LND Cosimo Sibilia in

SPOTGAETANO

pescheria cucina e gusto



Lo spot si chiuderà tra 6 secondi - Vai all'articolo
Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy