Insieme Ausonia attende il verdetto, nel frattempo Gregorio Altobelli:"Sarebbe il giusto riconoscimento ma vogliamo aspettare per festeggiare. Poteva accadere ancora di tutto ma penso che i nostri sforzi..."


Con il COMUNICATO UFFICIALE N. 197/A emanato dalla FIGC il giorno Mercolì 20 Maggio 2020, la stagione 2019/20 del calcio dilettantistico si è definitivamente conclusa a partire dalla serie D fino alla Terza Categoria. Una decisione sofferta ma inevitabile e che ormai era nell’aria da diverse settimane.

Ora non resta che capire quali saranno i verdetti per promozioni e retrocessioni, con un’altra data importante che potrebbe essere proprio quella di oggi,Venerdì 22 Maggio 2020, visto il Consiglio indetto dalla Lega Nazionale Dilettante capeggiata da Cosimo Sibilia.

In casa Insieme Ausonia è partito il conto alla rovescia per la promozione in Serie D in caso di ammissione di tutte le prime al prossimo campionato di serie D. Ma è ancora presto per poter festeggiare e finché non ci sarà l’ufficialità nulla è sicuro, come afferma il forte difensore centrale Gregorio Altobelli:

"Con i compagni preferiamo non parlarne, attendiamo con ansia questo verdetto. Non ci sentiamo ancora di festeggiare, meglio aspettare…

Comunque credo che la promozione in Serie D sarebbe il giusto riconoscimento ad una stagione nella quale siamo stati praticamente sempre in testa con numeri che dimostrano la nostra dimensione, miglior attacco, miglior difesa e un primato consolidato a 9 giornate dalla fine.

Certo, per esperienza diretta posso comunque dire che con tutte queste gare a disposizione poteva accadere ancora di tutto, ma penso anche che i nostri sacrifici debbano essere ripagati. Sono d’accordo con lo stop definitivo del campionato, secondo me non conosciamo ancora a pieno questo virus e inoltre non siamo tutelati come ad esempio i calciatori di Serie A o B.

Quindi credo che ripartire adesso sarebbe stato molto rischioso”.


Altobelli prosegue poi analizzando il suo impatto con la squadra parlando anche di quello che potrebbe essere il futuro:

"Quest’anno sono arrivato a rinforzare una rosa già molto valida. La società è stata brava a mantenere giocatori importanti arricchendola con altre pedine di spessore. Il mio inserimento è stato avvantaggiato proprio dal fatto che c’era già un gruppo forte e le cose sono andate per il verso giusto. Per il prossimo anno, mi piacerebbe restare in una società così solida e confrontarmi con un campionato di Serie D. In passato ho sempre preferito restare in Eccellenza o in Promozione, vorrei dunque provare questa nuova esperienza”.
Serapo sport

  “Retrocessione per chi non paga gli stipendi”: la protesta dei calciatori di Serie D, capeggiati da Francesco Cardinali dell′Anagni

Calcio

"Sarebbe stato più giusto far retrocedere le società non in regola con i pagamenti, piuttosto che penalizzare club virtuosi ancora in corsa per la salvezza”. La proposta del consiglio direttivo della Serie D di retrocedere in Eccellenza le ultime quattro in classifica di ogni girone, ha scatenato la

Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy