Crisi Gaeta Calcio, la replica di Mitrano a Belalba
"Parliamo di una società sportiva privata. Allora penso che debba essere il privato, magari tramite la disponibilità di uno o più imprenditori privati, a proporre e realizzare un′alternativa alla guida del Gaeta Calcio"


Confermate le nostre anticipazioni: Mario Belalba pronto a lasciare il Gaeta Calcio. "Allo stato attuale delle cose, non ci sono i presupposti affinché io rimanga alla guida della Polisportiva Gaeta”, ha dichiarato il presidente (fermo restando che dal 30.03.2012 la quota di maggioranza del sodalizio pari a 55,2 % è detenuta dall′allenatore Felice Melchionna) del club biancorosso al quotidiano Latina Oggi. 

Della decisione, come avevamo precedentemente ipotizzato, il massimo dirigente ha informato il sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano "perché era cosa doverosa, ha spiegato Belalba, ed anche per non farmi sentir dire di aver fatto tutto da solo, senza aver coinvolto l’ Amministrazione”. Un grido d′allarme, insomma, una richiesta di soccorso dall′esito, diciamolo, incerto. Di conseguenza, dopo una lunga agonia sportiva, nella peggiore delle ipotesi il futuro del sodalizio gaetano potrebbe sfociare in una clamorosa e dolorosa eclissi totale rispetto al panorama calcistico regionale.

A seguito di quanto dichiarato a Latina Oggi da Belalba, abbiamo registrato oggi la replica del primo cittadino che affermato: "innanzitutto ringrazio la famiglia Belalba per quanto ha fatto con passione e dedizione in questi anni alla guida del Gaeta Calcio. Allo stesso tempo, prosegue Mitrano, vista la situazione di difficoltà che si è venuta a creare, da parte mia è doveroso fare una premessa: parliamo di una società sportiva privata. Inevitabile, allora, pensare che debba essere il privato, magari tramite la disponibilità di uno o più imprenditori privati, a proporre e realizzare un′alternativa alla guida del Gaeta Calcio. Mi auguro che la crisi del sodalizio biancorosso possa concludersi positivamente e rapidamente ma, alla luce di quanto oggi propone il panorama calcistico locale, è evidente che Gaeta non rimarrebbe senza calcio ad un certo livello”. 

Secondo il sindaco di Gaeta spetterebbe dunque ai privati tirare le castagne fuori dal fuoco. "Magari adesso potrebbero farsi avanti tutti quelli che sinora ci hanno criticato e dato addosso in ogni occasione” – come ha ironizzato lo stesso Belalba sempre nell′articolo di Latina Oggi -. Una sorta di guanto di sfida lanciato all′indirizzo di coloro che, come richiede la prassi, dopo aver attentamente ed opportunamente valutato la situazione economico finanziaria del club biancorosso, dovrebbero metterci la faccia e, se ne sono capaci, dimostrare coi fatti di cosa sono realmente capaci. 

Aspettiamo e vediamo se da oggi alla scadenza delle iscrizioni, 16 luglio 2018, cosa ne sarà del destino di una società storica e blasonata quanto il Gaeta Calcio. Al momento, però, parrebbe evidente che il calcio gaetano non goda di buona salute. Al punto che il destino sportivo di due punti fermi del calcio nostrano, parliamo del Gaeta Calcio e Pgs Don Bosco Gaeta, militante il primo nel campionato di promozione in 1^ Categoria il secondo, stando alle ultime dichiarazioni è chiaramente privo di certezze future. Il tutto mentre la Mistral Città di Gaeta progetta e realizza per la stagione agonistica 2018-19 un piano di lavoro ponderato, dalle base sempre più solida e con la prospettiva futura oggi più che mai a suo favore.

APM

Serapo sport

  Il CT Gaeta nell’élite del Tennis Internazionale con la Sara Cup dal 23 giugno al 1 luglio

Altri Sport

Per la prima volta il Circolo Tennis Gaeta sarà sede di una tappa del World Tour professionistico appartenente alla Federazione Internazionale di Tennis (ITF). IlTorneo ITF maschile Città di Gaeta si terrà sugli storici campi di via Annunziata a partire dal 23 Giugno al 1 Luglio con un montepremi di

Powered by Carangelo © Copyright Sportgaetano - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy