Minturno Calcio, non finisce la polemica: Mano pesante del giudice sportivo e il presidente Pacera torna a parlare.

Dopo i fatti di domenica è arrivato il giudizio finale sul caso accaduto a Minturno tra l′arbitro e alcuni tesserati della formazione rossoblu. Giungono infatti pesanti squalifiche agli accusati del club minturnese. Puntuale la replica del§ presidente Antonio Pacera, esausto della situazione e pronto a rispettare la sua promessa...

"Da premettere che me lo sarei aspettato, però sono rimasto davvero basito dal comunicato che ho letto. L′arbitro si è inventato tutto, una vergogna. Deve rovinare le sorti del Minturno, i sacrifici della società, del presidente, dello staff e soprattutto dei giocatori, che veramente ci hanno messo l′anima in questa stagione. È uno schifo. Mi sembra di avere a che fare tipo con un ufficiale dei carabinieri: quello che dice lui è legge. D′altronde senza testimonianze, nulla. La cosa che mi da rabbia è che non ha detto di aver preso una botta, ricevuto una spinta, quando sono venute le forze dell′ordine. Quando si è accorto di aver fatto l′errore a fine partita, ha chiamato qualche amichetto, avvocato, e si è tutelato. Guarda caso, nel tragitto di ritorno a Latina, si è fermato all′ospedale di Fondi e si è fatto refertare. Ha rovinato una squadra, perchè giustamente il morale va giù dopo tante ingiustizie. Incassi, incassi, incassi, poi onestamente non mi sento tutelato dalla Federazione. Neanche un chiamata. Allora vuol dire che faranno a meno del Minturno Calcio. Io personalmente non intendo andare avanti. Se lo staff e il gruppo dirigenziale vogliono andare avanti, va bene. Ma io sono mortificato da questa sentenza e non ne voglio sapere più nulla. La situazione è questa: non hanno ancora risposto al nostro preavviso di ricorso. Ma non si sono espressi sulla partita, bensì sui giocatori che lo hanno ′minacciato e insultato′ e il guardalinee che ′lo ha fatto sbattere con la testa a muro′. Quello che è uscito è un bollettino di guerra. Ribadisco, l′arbitro è un pubblico ufficiale: quindi non ci saranno mai testimoni che racconteranno la verità. Ci sarebbero i giocatori del San Giorgio, ma mi sembra più che giustificabile un loro disinteresse nel caso perchè avrebbero solo da perderci. L′arbitro si è studiato tutto a tavolino. Sto mandando i miei ′accusati′ a denunciare per calunnia il direttore di gara perchè ha testimoniato il falso. Primo, il nostro guardalinee non gli ha messo le mani addosso. Il nostro capitano è un ufficiale della Capitaneria di Porto e quindi non è un cretino, e neanche lui lo ha nè minacciato nè toccato. Da regolamento, peraltro, se un giocatore rincorre o affronta petto a petto l′arbitro deve essere espulso, non si deve sospendere la partita. Il nostro tesserato è stato espulso sul verbale, ma il cartellino rosso non è mai stato estratto. Sono davvero basito".

Per SportItri, Alberto Ciccarelli


  Team Nuova Florida-Formia,scontro tra estremi.

Domenica alle 11 presso lo stadio Comunale Mazzucchi si giocherà il match valido per la quattordicesima giornata di ritorno tra Team Nuova Florida e

  Eccellenza, Ausonia - Pomezia: chi con tranquillità, chi per il riscatto!

Domenica arriverà un altro ospite di lusso a Madonna del Piano, mister Gioia e i suoi saranno impegnati contro il Pomezia del duo Bussi-Gagliarducci.

I pometini sono alla ricerca di riscatto dopo lo stop contro l’Arce, una partita che si prevede equilibrata, l’Insieme Ausonia forte di una classifica tranquilla cercherà di

  1^ Categoria: Bainsizza ed Hermada non si fanno male, parla mr. Mirko Boccitto.

Non vanno oltre il pari Atletico Bainsizza ed Hermada, la capolista Aurora Vodice Sabaudia ne approfitta e allunga.

Regna l’equilibrio nel match che frena le inseguitrici, resta così invariata la distanza tra i ragazzi di mister Boccitto e la compagine di

  Formia Calcio: risultato bugiardo, al Comunale passa il Morolo. Mr. Gargano si dimette?

Una domenica sicuramente sfortunata per la formazione biancoblu che ancora una volta davanti al suo pubblico non riesce ad ottenere i 3 punti. Questa volta però il Formia ci ha provato in tutti i modi,giocando una partita divertente per

  Il Formia torna a giocare in casa dopo il duro colpo di Colleferro.

Dopo una delle sconfitte più dure dal punto di vista psicologico,quella contro il Colleferro di domenica scorsa in trasferta,il Formia ritornerà tra le mura amiche per affrontare il Morolo Calcio,una delle squadre di classifica medio-bassa che ha disputato un

2 milioni di visitatori - Grazie da SportGaetano.it